Web Hosting
Web Hosting
Web Hosting

Perché ti serve una piattaforma?

.

.

Ne abbiamo già parlato altrove: uno dei momenti chiave nel tuo sviluppo in qualità di SCRITTORE (anche se vale per tutto, al giorno d’oggi) dipende in maniera preponderante dalla tua piattaforma di riferimento.

Non è un’esagerazione sostenere che non sei nessuno fin quando non sarai in grado di sviluppare il tuo profilo online, fino ad assestarti su un livello accettabile di credibilità. Perché sul Web troverai una CONCORRENZA spietata, se possibile addirittura maggiore di quanto potresti aspettarti decidendo di pubblicare attraverso i canali più diretti dell’editoria tradizionale.

Creare il tuo PROFILO nel modo più adatto non è impresa facile. Perché dovrai impostare un vero e proprio marchio. Al popolo della rete importa poco di conoscere i dettagli del signor Pinco Pallino, di quali sono i suoi interessi o di cosa fa quando non si dedica alla scrittura. Alla gente importa dei contenuti. Se non hai contenuti da proporre, o servizi da dispensare online, chi vuoi che venga a leggere la storia della tua vita? Non ti aspetti che accada davvero, giusto?

Ecco perché, lo ripeterò, dobbiamo premunirci per tempo. Creare una PIATTAFORMA DIGITALE che risponda alle esigenze del complesso sistema domanda-richiesta.

.

Quali sono i benefici?

.

.

 

Perché ti serve una PIATTAFORMA, per l’appunto. 

L’importanza di un sito proprio è capitale nella nostra evoluzione di scrittori. Perché, ricordiamolo, disporre di un portale che NOI controlliamo, non soggetto alla volontà di forze esterne (sì, perché i social media sono esattamente questo) serve innanzitutto per promuovere la nostra immagine personale. Ti affideresti mai a una piattaforma che rischia di chiudere da un momento all’altro (come una pagina Facebook o Instagram, per l’appunto) per proporre le tue competenze online?

CREDO E SPERO DI NO.

Un sito Web non è gratuito, mentre una pagina Facebook sì. La domanda potrebbe allora essere “perché dovrei spendere soldi e tempo prezioso per interagire con gli utenti, quando potrei fare lo stesso sui social network senza un tale esborso di risorse”? Il fatto è, di nuovo, che la credibilità non la acquistiamo attraverso qualche post ben elaborato su un social. O meglio, può succedere. Ma esiste una possibilità su un miliardo, e il nostro compito è di migliorare quella possibilità per assottigliare l’evenienza di un insuccesso.

Un sito Web è un investimento. È ciò che ti permette di portare avanti una strategia di marketing senza nemmeno doversene preoccupare, grazie al passaparola che ne scaturirà di conseguenza. UN SITO WEB È PER SEMPRE. Bisogna ricordare questo assioma, perché è una caratteristica fondamentale di ogni portale online. Non sarai soggetto a censura, alla rimozione dei tuoi articoli perché ritenuti non idonei alla pagina del social network altrimenti scelto.

 

.

.

 

Ti darà VISIBILITÀ, inoltre. Un sito Web è accessibile da chiunque, in qualunque momento. Potrai modificare la grafica della tua piattaforma nel modo più idoneo, a seconda dei contenuti che vorrai offrire al lettore. L’impatto visivo del portale è un ottimo strumento di MARKETING, non dimenticarlo. Ci sono diversi spazi gratuiti che potresti sfruttare senza spendere un centesimo (Blogger è l’esempio più scontato). Ma, chiediti questo: quanti articoli – tra quelli che ti spiegano come creare un portale gratuito online – sono stati pubblicati su piattaforme gratuite? La risposta è scontata, e ti basterà dare uno sguardo in giro per accorgerti della verità insita in queste parole. 

Il posizionamento sui motori di ricerca è anche uno STRUMENTO potentissimo a cui affidarsi per la tua attività professionale. Se non conosci cosa sia la SEO (Search Engine Optimization) ti consiglio di dare uno sguardo nella rete. Ci sono innumerevoli articoli e canali Youtube che potranno spiegarti il funzionamento della stessa. Costituisce, in pratica, il modo in cui Google & affini recepiranno i tuoi articoli, posizionandoli in graduatoria nelle prime (si spera) o nelle ultime (…di no) pagine di ricerca. L’uso delle keyword e imparare a sfruttarle diventa fondamentale, qui.

 

.

.

Muoviamo i primi passi su SITEGROUND

.

Dopo aver imparato perché ti serve una PIATTAFORMA ONLINE, ci tocca adesso crearne una. Ci sono diversi concetti che probabilmente ti saranno ancora indigesti. Su tutti, i servizi di dominio e hosting.

Un DOMINIO è una combinazione di elementi alfanumerici e punti che serve per l’identificazione di un determinato sito Web. Quando apri il tuo BROWSER di riferimento, e immetti un indirizzo nella barra di ricerca… ebbene, quello è il dominio dello spazio Web in cui andremo a spostarci di lì a breve. Un dominio serve quindi a identificare il nome di un sito specifico, consentendoci la navigazione verso lo stesso.

L’HOSTING, invece, costituisce l’impianto dove andremo a costruire le fondamenta del nostro progetto. È, a conti fatti, lo spazio dove inseriremo immagini, testi, contenuti, che ci permetteranno di interagire con il nostro lettore. È ciò che farà da tramite con il pubblico. Esistono diversi servizi di hosting (condiviso e non), ma ci concentreremo qui sull’hosting WORDPRESS di SITEGROUND, capace di velocizzare e semplificare tutte le attività che determinano la buona riuscita della tua piattaforma online.

 

Quali sono i vantaggi di Siteground rispetto alle alternative?

  • Installazione GUIDATA in ogni suo aspetto
  • Tempo medio di risposta del server stimato tra i 0,7 E I 0,8 SECONDI (ottimo)
  • Servizio di assistenza tramite CHAT IN TEMPO REALE
  • Tempo medio di risoluzione problemi tendente a NON PIÙ DI 10-15 MINUTI

 

Non serve essere esperti del settore per capire come i pregi superino di gran lunga le aspettative. C’è un motivo se Siteground è uno dei servizi di hosting più diffusi, con oltre 1.800.000 domini registrati. Il servizio che ci viene offerto è – a mio parere – il più completo sul mercato. Anche se non sai nulla di programmazione o di come creare un sito Web, Siteground ti fornirà tutte le risorse di cui necessiti per configurare da zero la tua piattaforma. Ci sono passato, di persona, e posso assicurare la professionalità di tutti coloro che lavorano dietro le quinte.

 

.

Più nel dettaglio

.

.

 

Se cliccate nell’immagine di cui sopra, vi rimanderà nell’INTERFACCIA PRINCIPALE DI SITEGROUND. Ebbene: vediamo, con una breve panoramica, come ottenere un hosting Siteground.

Vi ho rimandato alla pagina principale, perché è da lì che dovrà cominciare la nostra avventura. Nella schermata che potete guardare in alto, si presenteranno ai nostri occhi diverse scelte. Come andavo dicendo in precedenza, sfruttare l’hosting WordPress significa assicurarci una gestionalità e una libertà di contenuti senza pari non solo nel mondo degli hosting, ma anche in quello (specifico) dello stesso Siteground.

Selezioniamo con il cursore l’elemento di mezzo, WordPress Hosting.

 

.

.

 

Come vedi, le opzioni a disposizione sono molteplici anche stavolta. Vediamo in che modo operare la nostra scelta, e quali sono le principali distinzioni tra un servizio e l’altro che ci viene proposto.

  • La prima opzione, START UP, è consigliata a coloro che si stanno approcciando al mondo delle piattaforme online per la prima volta  E  a chi parte con l’intenzione di operare su un SINGOLO DOMINIO.
  • La seconda opzione, GROW BIG, è consigliata a quelli che, partendo da zero o da un livello più avanzato, contano di riuscire a ottenere un numero di visitatori mensili maggiori (questo hosting consentirà una capienza maggiore, fino a 25.000 visitatori mensili), ma anche agli utenti che si propongono di utilizzare PIÙ DI UN DOMINIO alla volta.
  • La terza opzione, GO GEEK, non te la consiglio affatto. Perché, se stai leggendo questo tutorial, significa che dovrai ancora creare la tua piattaforma digitale, e – in linea di massima – il tuo traffico iniziale sarà più limitato dei costi che andare Go Geek ti apporterebbe.

Non temere, comunque: ricorda che potrai upgradare il tuo servizio di hosting in un qualunque momento, seguendo assiduamente il traffico del tuo portale e decidendo per il meglio a seconda della risposta dell’utente medio.

 

.

.

 

Non è difficile, qui, districarsi nel contenuto della schermata successiva. Qualunque sia il piano da te scelto, verrai reindirizzato su questa pagina per scegliere le credenziali del tuo dominio.

ATTENZIONE! Siteground ti garantisce il primo anno di dominio GRATUITO, dovendo acquistare soltanto l’hosting che vorrai sfruttare.

Ora, hai davanti a te la possibilità di conferire un nome al tuo portale Web. Ricorda: usare delle PAROLE CHIAVE nel titolo della piattaforma aumenta la possibilità che la piattaforma stessa sia visibile nelle prime pagine dei motori di ricerca.

Oltre al nome, avrai di fronte a te la possibilità di scegliere la dicitura del tuo dominio (il classico punto it, com, org…) e non è affatto qualcosa da banalizzare. Se il tuo sito è indirizzato a lettori italiani – e basta – allora scegliere un classicissimo.it sarà più che sufficiente. In caso contrario, .com e .org sono i domini generalmente più efficienti.

Nel caso in cui il nome da te scelto sia già usato da qualcun altro, hai due opzioni: cambiare nome, la più scontata, o cambiare dominio.

 

.

.

 

Da qui, tutto diventa più facile. Ci apparirà una schermata con su presenti tutte le informazioni legate all’acquisto dell’hosting scelto, e ci toccherà semplicemente immettere le nostre credenziali.

Tenete presente che lo spazio ricoperto da “DATA CENTER” non è legato alla vostra posizione materiale (per chi masticasse poco inglese), e potete benissimo lasciarlo così come si presenta. Potete invece selezionare il lasso di tempo per cui avete deciso di usufruire del servizio di hosting. Di solito, più a lungo andrete con la scadenza e maggiori saranno le offerte.

NON selezionate il SG Site Scanner, a meno di non avere voi stessi un’azienda di stampo mondiale. Siteground assicura già controlli periodici con il SERVIZIO STANDARD, e non ho mai sentito di qualcuno che ne sia rimasto insoddisfatto.

 

.

Per concludere

.

 

Nel momento in cui vorrete approfondire il servizio hosting di Siteground, vi consiglio i Tutorial gestiti da Siteground stesso per vedere più nel dettaglio ciò di cui potrai occuparti dopo aver messo a punto il primo passo verso la creazione del tuo spazio Web.

CLICCA QUI PER I TUTORIAL

Penso di aver già spiegato in maniera approfondita il PERCHÉ vi serve una piattaforma online. Sta a voi, adesso, adoperarvi per farvi conoscere al mondo. Che decidiate di usare WordPress (che io consiglio vivamente) o servizi diversi, al giorno d’oggi un autore non può prescindere dal godere di un sito Web proprio. Sempre che vogliate essere conosciuti dal grande pubblico, ovvio.

CLICCA QUI PER ACCEDERE A SITEGROUND

 

.

.